Autogestione scolastica

Neppure il caldo di Luglio può fermarci! Nonostante la scuola sia ormai chiusa a noi va ancora di parlarne perché l’idea che abbiamo in mente è leggera e fresca e ci fa stare insieme con estremo piacere. Essendo poi che le nostre “chiacchere” avvengono in un bel giardino serviti di gelato e bibite ghiacciate le motivazioni non mancano proprio.

Abbiamo così parlato di autogestione degli allievi . La scuola del gratuito è la scuola della responsabilità e della fiducia in cui l’educare passa non attraverso insegnamenti teorici e di principio, attraverso premi , minacce e punizioni ma nel coinvolgimento reale degli allievi. Il passo è grande: a volte noi insegnanti siamo preoccupati anche dal mandare un ragazzo fuori della classe per una fotocopia: “chissà se farà ritorno?” Inoltre abbiamo una visione dell’educazione come di un’azione formativa, plasmante da compiere sull’allievo che lo voglia o meno. Gli allievi devono rispettare regole, devono studiare, devono lasciare pulito, devono ricordarsi gli avvisi per la famiglia spesso senza capirne veramente le ragioni. Spiegargliele molte volte non serve gran ché perché a loro è richiesto solo di obbedire ad una organizzazione decisa dagli adulti, organizzazione che non gli appartiene, così come non gli appartengono l’aula, gli ambienti scolastici, il materiale personale ( si riempiono cassetti interi con penne, matite, gomme , colori persi all’interno dell’aula senza che nessuno li reclami….)

Ciò che non si sente proprio non si cura perché si sa che c’è qualcun altro che ci deve pensare. Neppure lo studio resta responsabilità personale; l’allievo spesso viene indotto a ragionare così: ” cerco di farne il meno possibile. E’ compito dell’insegnante scoprirlo. Finché non mi scopre posso continuare”.

La rivoluzione copernicana della pedagogia del gratuito è questa: la scuola cari ragazzi è anche vostra, quindi la si amministra insieme! Chi potrebbe credere oggi che i ragazzi siano capaci di tenere pulita la scuola, sistemare il giardino, organizzarsi le gite scolastiche, partecipare alla scelta delle regole di convivenza e delle attività didattiche, gestire una parte delle finanze scolastiche ? Con la fiducia che diamo loro, crediamo che la risposta immediata sia : nessuno. Occorre allora investire in fiducia. Le nostre piccole esperienze di scuola del gratuito ci dicono che i ragazzi ma anche i bambini sono molto più capaci e responsabili di ciò che sembrano nel contesto scolastico quotidiano del profitto. Patti educativi, cassa di classe, autogestione degli avvisi, regole condivise, partecipazione di studenti a commissioni operative assieme agli insegnanti, auto valutazione, sono dimostrazioni reali che se solo volessimo la scuola potrebbe avere un ruolo molto più educativo nei confronti dei giovani attraverso un’auto responsabilizzazione progressiva sino a prefigurare una vera autogestione. Esperienze a livello internazionale ce ne sono: abbiamo citato la storica scuola di Summerhill in Inghilterra e l’attuale scuola del Ponte di Vila das Aves in Portogallo in cui tutti gli allievi ( scuola primaria) e gli insegnanti fan parte dell’assemblea scolastica che decide insieme su ogni cosa.

Forse un po’ lontano dalle nostre realtà scolastiche. Non disperiamo…cominciamo dalle piccole cose. Premesse necessarie: credere fermamente che la metodologia del profitto non aiuta gli allievi a maturare; credere fermamente nella forza motivante e responsabilizzante della gratuità.

Annunci

0 Responses to “Autogestione scolastica”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 185 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 59,453 visite da Marzo 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: