Tempo di preiscrizioni

Il 20 Febbraio  scadono i termini per le  preiscrizioni scolastiche. Un momento importante e delicato soprattutto per quegli studenti e le loro famiglie chiamati a scegliere una scuola superiore. Per gli insegnanti   esso rappresenta spesso un atto formale, burocratico che si esplica attraverso il cosiddetto “giudizio orientativo”. Alla base di tale vuoto  empatico non si può che ribadire quella mancanza di dialogo e di cooperazione pedagogica più volte sottolineata. Sta di  fatto che le famiglie si trovano praticamente  sole  alla scelta, con in mano la pagella del primo quadrimestre e un’indicazione  generica  e di scarsa utilità.

Quali criteri seguire allora per una equilibrata e serena decisione?

I risultati ottenuti dal ragazzo nelle diverse discipline costituiscono sicuramente un parametro  ma non l’unico. Essi vanno colti in relazione all’ambiente scolastico e alla situazione motivazionale dello studente in quell’ambiente e in quella fase temporale. Non è detto che uno studente che non riesca troppo bene in matematica alla scuola media non possa frequentare il liceo scientifico se nasce in lui la  motivazione a farlo. E’ noto come lo stesso Einstein  fosse considerato scarso in matematica ai primi livelli scolastici (ieri come oggi la questione era una scuola poco elastica e stimolante) e solo grazie  alla passione personale e con l’aiuto di insegnanti adeguati arrivò ad essere ciò che sappiamo.

Occorre quindi capire quale sfida il ragazzo vuole intraprendere, esplorarne insieme le motivazioni e, se queste sono genuine, concedergli piena fiducia.

La fiducia è uno strumento potente che amplifica la forza della motivazione personale e sviluppa  il senso di responsabilità e la maturazione.

Il ragazzo che vediamo ora non è quello di domani (a questa età da Febbraio a Settembre ,quando inizia l’anno scolastico, i ragazzi  cambiano anche tanto! ) perché c’è in lui ancora nascosto un vaso pieno di capacità da esprimere; non possiamo forzare una scelta sulla sola base dei  risultati di oggi ma aiutarlo a conoscere ciò che in quel vaso è contenuto perché possa fare da se una scelta che esprima i suoi doni e la sua originalità.

E se anche questo comportasse il rischio, possibile, di un anno “perso”( che perso non sarà perché servito comunque alla riflessione e alla crescita)  non ne  facciamo un dramma: il sistema ci incalza con il mito della produttività e del tempo- denaro; riprendiamoci invece i tempi necessari per le scelte, i tempi della persona, i tempi per i nostri giovani di sognare e di sperare il loro futuro.

Annunci

1 Response to “Tempo di preiscrizioni”


  1. 1 giuliana 14 febbraio 2012 alle 19:39

    Un futuro senza sogni e senza speranze che futuro è? Anche un anno “perso” in certe circostanze, è sempre un anno guadagnato per la vita


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

ISCRIZIONI E INFO CONVEGNO 2017

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 166 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 55,028 visite da Marzo 2009

Convegno Nazionale Scuola del Gratuito Forlì - 30 Settembre-1 Ottobre 2017

Nessun evento in arrivo


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: