E’ tempo di vacanze!

Già, ma noi della scuola del Gratuito ci piace pensare anche in vacanza e allora ecco una bella esperienza di un nostro insegnante da copiare per la prossima estate. Questa ed altre esperienze di  Scuola del Gratuito le potete trovare in “ESPERIENZE” nella home del blog. Buona riflessione

I Compiti delle vacanze

E’ l’eterno dilemma: compiti si o compiti no per le vacanze? C’è chi dice che le vacanze sono sacre e occorre ridurre al minimo lo stress da compiti degli studenti (che si traduce poi in stress da correzione degli insegnanti…) e chi sostiene che, senza o con pochi compiti, tutto l’allenamento creato con tanta fatica durante l’anno verrebbe perso nel giro dei tre mesi di chiusura scolastica. Coniugare le due posizioni non è semplice poiché c’è il rischio che siano pochi per chi è veloce a farli o ha un aiuto a casa  e troppi per chi anche durante l’anno ha sempre incespicato nello studio.  Leggere “Lettera ad una professoressa” di Don Milani e la sua scuola di Barbiana,  aperta 365 giorni l’anno,mi ha dato un’ispirazione: “e se i compiti d’estate li facessimo insieme?”. Così sono ormai molti anni che al termine delle lezioni ci diamo appuntamento con i ragazzi per rivederci due volte a Luglio  e due ad Agosto per fare i compiti assieme. Per diverse estati ci si è incontrati a casa mia dopo un primo e un secondo tentativo di farlo a scuola, con grandi polemiche e difficoltà. Poi un’associazione di volontariato ci ha offerto la sua sede proprio nel quartiere di residenza dei miei allievi.

Di compiti non ne do molti ma mi rendo conto che per alcuni sono troppi anche quei pochi e ad essi in particolare sono dedicati questi incontri.   Come pretendere che ritornino a Settembre con i compiti fatti da soli se non sono stati in grado di farli neppure durante l’anno? L’incontro serve a ripassare, a rivedere le cose dimenticate o non capite , a rinforzare le competenze acquisite ma non consolidate, a non dimenticare il resto; ma serve anche a rivedersi, a mantenere i legami: c’è il tempo per una bibita fresca o un gelato, per qualche battuta e qualche risata. I ragazzi vengono volentieri , non tutti, a volte manca anche qualcuno che gli farebbe bene  di esserci, ma tutto è libero: ci diamo un orario, di mattina, in genere alle 9 e andiamo avanti fino alle 11 quando il caldo diventa eccessivo e non si riesce più a stare nella stanza. Chi vuole va via prima o arriva dopo; è un modo di vivere un’altra scuola, più libera, responsabile e gratuita. I genitori sono stati avvisati a Giugno e sanno come funziona la cosa. Quest’anno, per la prima volta dopo tanti anni ( forse venti, non ricordo esattamente) una collega si è unita alla nostra scuola estiva: non è forse un buon segno?

Annunci

0 Responses to “E’ tempo di vacanze!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 185 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 59,453 visite da Marzo 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: