Una Scuola terra terra

Vi proponiamo una riflessione di Rosaria Gasparro, maestra di scuola primaria sulla necessità di tornare ad una scuola fatta di cose vitali, in armonia con l’essere e con la natura, la migliore insegnante dei nostri ragazzi e di noi stessi. E’ possibile trasformare la scuola, con tutti i suoi obblighi, le sue norme , le sue paure in un luogo di apprendimento naturale e gioioso? Crediamo di si:  è la sfida della Pedagogia e della Scuola del Gratuito

C’è un’emergenza educativa in atto di cui siamo – chi più chi meno – diversamente responsabili. Ci siamo persi la natura. E non solo

a scuola. Scomparsa o relegata alle due ore di scienze, come conoscenza e studio di seconda mano. Abbiamo allontanato i nostri

bambini dagli alberi, dai f iori, dagli animali, dal cielo, dalle nuvole, dalla pioggia…P1020621

“La natura, in verità, f a paura alla maggior parte della gente. Si temono l’aria e il sole come nemici mortali. Si teme la brina

notturna come un serpente nascosto tra la vegetazione. Si teme la pioggia quasi quanto l’incendio” diceva Maria Montessori.

Conosco un bambino che non ha mai visto il mare. Chi non è mai stato in montagna. Molti nella mia classe non hanno mai visto la

neve. Alcuni non hanno mai visto un pulcino. Li conoscono senza averne   fatto esperienza. Senza essersene bagnati. Senza averli

tenuti tra le mani. Senza quel contatto intimo che si scrive per sempre nell’anima.

I nostri bambini sempre più protetti diventano sempre più artificiali. Non hanno più la terra sotto i piedi.

Hanno paura di sporcarsi le scarpe di fango. E diventano allergici ai pollini e ai gatti. Lontani e separati dal verde, con la natura

ristretta ai pochi elementi che resistono nei nostri percorsi urbani, ci ritroviamo – adulti e bambini – con l’anima rimpicciolita e

non ce ne accorgiamo. “Il sentimento della natura – diceva ancora la Montessori – cresce come ogni altra cosa; e non è certo

trasfuso da noi con qualche descrizione od esortazione f atta pedantescamente dinanzi ad un bimbo inerte e annoiato chiuso tra mura…”.

È in quel sentimento che si gioca il legame con la vita e la sua qualità. L’esplorazione, la curiosità, l’avventura, la fiducia. La poesia

del mondo naturale e la sua bellezza. Perché natura è cultura. È scoperta delle relazioni che esistono tra gli elementi, e quindi è

cura e rispetto. Ma, per prima cosa, per ogni bambino è gioia e incanto.

Per questo si va a scuola fuori. Si adottano gli alberi del parco o se ne piantano di nuovi. Si chiamano per nome ed è un valore. Si

scoprono che nel nostro territorio ci sono 22 specie e 9 ibridi di orchidee spontanee.  Si va nelle braccia del ginepro coccolone tra

le dune costiere. Si va nelle masserie didattiche a mungere il latte e a f are il formaggio.  A tenere tra le braccia un capretto e a f arsi

succhiare il dito. A raccogliere le uova calde. A scoprire il verso dell’oca maschio, che non starnazza ma soff ia e sibila come un

serpente per dif endere  la f emmina.  A non aver paura dei tori nemmeno se abbiamo la maglia rossa e nemmeno dei cani pastori

maremmani. Ad accarezzare Carlotta la cavalla murgese incinta e Zeus lo stallone. A scoprire che i maiali non sono solo rosa come

Peppa Pig.  Che hanno 14 mammelle e che ci viene da ridere. A ricordare che anche noi abbiamo succhiato dalle tette della mamma.

E ci viene ancora da ridere ma ci fermiamo subito in un comune sentire.

La natura è la vera maestra senza cattedra e senza autorità. Una scuola terra terra per il sentimento del mondo. Una scuola che non ha fretta e non ha paura di sbagliare. Riprendiamocela.

Annunci

0 Responses to “Una Scuola terra terra”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 185 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 59,453 visite da Marzo 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: