Meritocrazia vs integrazione

La scuola italiana è per eccellenza la scuola dell’integrazione. Bambini e ragazzi  con diversità anche notevoli frequentano le stesse scuole e gli stessi banchi; avere per compagno Giovanni che siede su una carrozzella , Maria  con sindrome autistica o Alberto con sindrome Down fortunatamente è divenuta la normalità delle nostre classi. Insegnanti, allievi e genitori ,tutti ( o quasi) sappiamo ormai, che frequentare la scuola dell’integrazione è una benedizione per i ragazzi con problemi particolari ma anche di più per i loro compagni  che ricevono in lezioni di vita , in umanità, in interiorità.

Tutti meno i  nostri politici che sRisultati immagini per immagini studenti disabili a scuolatanno creando la scuola della meritocrazia , in altre parole la corsa ad essere i più bravi, a far valere le capacità che contano per avere in premio il successo sugli altri. E’ lo scopo ultimo del bonus finanziario promesso agli insegnanti più meritevoli : indurli ad alimentare la competizione tra i propri allievi in modo da ottenere da essi prodotti misurabili e utilizzabili davanti al comitato di valutazione.

Una scuola , due principi pedagogici opposti. Da una parte la Gratuità che guida all’amicizia , alla condivisione, al pensiero profondo, dall’altra  la competizione che genera pensiero istintivo , individualismo,  conflitto. Chi pensa che i due principi possano coesistere parte dal concetto che il valore sta nella competizione e nella produzione e che i “disabili”, freno alla scalata dei “migliori”, vanno , nostro malgrado, accettati, perché noi “normali” siamo anche buoni. Così l’insegnante di sostegno (quando c’è) torna ad essere l’insegnante del “bambino problematico” perché l’insegnante curriculare non debba attardarsi nel programma a danno di quelli “più bravi”.  La meritocrazia riduce l’integrazione  ad un fatto non più sostanziale ma solo topografico: tutti nella stessa scuola ma  con percorsi non comunicanti. In tal modo la diversità cessa di essere dono e diviene nuovamente isolamento e separazione. Giovanni,  Maria, Alberto ricevono sorrisi e carezze ma non sono realmente integrati  perché integrazione non è solo passare il tempo insieme ma riconoscere nell’altro un portatore di valore anziché di handicap. Non può esistere vera integrazione senza  attenzione alla persona, senza la sua valorizzazione, soprattutto se essa  è più “diversa” degli altri . La scuola del “merito” non ha tempo ne modo di essere la scuola dell’integrazione.

Annunci

0 Responses to “Meritocrazia vs integrazione”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

ISCRIZIONI E INFO CONVEGNO 2017

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 166 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 55,028 visite da Marzo 2009

Convegno Nazionale Scuola del Gratuito Forlì - 30 Settembre-1 Ottobre 2017

Nessun evento in arrivo


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: