Montessori , un metodo che fa paura

Viene da chiedersi come mai nonostante il secolo scorso sia stato così ricco di pedagogisti importanti da Montessori a Freinet da  Don Milani a Danilo Dolci la scuola continui imperterrita ad insegnare come nell’ottocento . L’articolo che vi proponiamo, tratto da “dilei.it “ tenta una risposta in relazione al metodo Montessori valida tuttavia per la “pedagogia attiva” in senso lato.

 

E’ bastato che il principino George, primo figlio di Kate Middleton e William d’Inghilterra, cominciasse l’asilo alla Westacre Montessori School nel Norfolk per rilanciare il metodo educativo nato in Italia all’inizio del Novecento e diffuso in tutto il mondo, anche se nel Belpaese stenta ancora a prendere piede.

Le scuole Montessori sono circa 600.000 in tutto il mondo, ma solo 200 in Italia. La pedagogia Montessori pone l’accento sulla libertà del bambino di pensare, agire, trovare la sua identità e all’adulto chiede: “Aiutami a fare da solo”.

Maria Montessori, il primo medico donna in Italia, sperimentò il suo metodo nei quartieri poveri di Roma su bambini disagiati e con deficit intellettivo. Nel mondo, specialmente quello anglosassone, le scuole Montessori si stanno diffondendo sempre più. Tra gli ex allievi eccellenti che hanno avuto successo nella vita troviamo i fondatori di Amazon, Google e Wikipedia . Tutti sono concordi nel dire che questo insegnamento basato sulla libertà del fare ha stimolato la loro creatività.

Il metodo in Italia è riconosciuto dal ministero dell’Istruzione ma non riesce a decollare. La sua validità è sempre più sottolineata dalle neuroscienze, che ne hanno studiato l’efficacia sullo sviluppo del cervello. E in Italia assistiamo ad una netta ripresa di attenzione verso un metodo educativo che mette davvero al centro il bambino. Ma quasi sempre è il corpo docente a dire no, forse temendo che insegnanti formati al metodo possano prendere il loro posto.

Benedetto Verdecchi, uno dei più importanti pedagogisti italiani, afferma:

Siamo i custodi dell’eredità di una delle più grandi scienziate del Novecento, ma abbiamo lasciato appassire i suoi studi. In Italia non c’è stata ricerca sul suo pensiero, non c’è stata evoluzione, se non in settori marginali. Ed è stato un gravissimo errore, perché mai come oggi il suo pensiero è attuale, davanti a tanti bambini con difficoltà di apprendimento, che soffrono la scuola tradizionale. Ma io credo che ci sia stato un problema ideologico: ogni tipo di esperienza basata sulla libertà fa paura

Annunci

0 Responses to “Montessori , un metodo che fa paura”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

ISCRIZIONI E INFO CONVEGNO 2017

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 166 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 55,028 visite da Marzo 2009

Convegno Nazionale Scuola del Gratuito Forlì - 30 Settembre-1 Ottobre 2017

Nessun evento in arrivo


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: