Ridaremo la vista ai ciechi

Il ministro Giannini , in seguito all’eco mediatico suscitato dal rifiuto di  alcuni genitori  di far svolgere compiti per casa ai figli, promette:  la riforma della “Buona Scuola”  penserà anche a questo , anzi è uno dei suoi obbiettivi. Essa sarà il volano del cambiamento.

Evviva possiamo stare  tranquilli, la  “ Buona scuola “  ha previsto ogni cosa e ci darà insegnanti, allievi e famiglie felici. Dice un nostro amico : “ La Buona Scuola manca solo che ridoni la vista ai ciechi e poi ha fatto tutto…….”Risultati immagini per immagini ministro Giannini

Peccato che intanto la scuola si sia riaperta con le solite croniche difficoltà: gli insegnanti che dovevano potenziare l’offerta formativa, i nuovi assunti, arrivano col contagocce , alcuni a  metà Ottobre non sono ancora arrivati , si sa che potrebbero arrivare  a Dicembre o forse non arriveranno. Nel frattempo sono state ridotte le ore di distacco per i vice presidi per cui  in molte scuole non c’è più nessuno che segua la complessa organizzazione scolastica a livello operativo ( costruzione dell’orario di lezione, coordinamento funzioni , accoglienza genitori , supporto agli studenti e agli insegnanti …..); ci si arrangia come si può.

I fondi  di Istituto calano  e non si riesce più a dare un compenso lontanamente dignitoso a tutto il lavoro progettuale e operativo che gli insegnanti svolgono e che non rientra  nel famoso “ Bonus” che è solo per alcune funzioni privilegiate .

Dell’altro Bonus, quello di 500 Euro, sbandierato  per la formazione  insegnante  quest’anno nessuno ne sa niente ma i corsi di formazione sono già iniziati.

 D’altra parte parlando di investimenti sulla scuola non si può dimenticare lo scandalo delle ore di sostegno attribuite, alla ripresa delle lezioni, ancora  in misura insufficiente a coprire le necessità di allievi disabili   costringendo di nuovo molti genitori a costosi ricorsi . E anche quest’anno la scuola andrà avanti grazie al “contributo volontario” delle famiglie che in realtà è obbligatorio se vogliono che la scuola  abbia almeno la carta per le fotocopie e quella igienica. Questo e altro è la “ Buona Scuola  “.

Niente miracoli, solo l’ordinario squallore di una politica menzognera che non si vergogna di barare  sulla testa di coloro che saranno il futuro della nostra società, una politica che vede solo da vicino e solo il proprio tornaconto.

Annunci

0 Responses to “Ridaremo la vista ai ciechi”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Cos’è la scuola del gratuito

La “scuola del gratuito” è un progetto pedagogico che si pone come obiettivo un’educazione capace di liberare la scuola e la società dai disastrosi condizionamenti della cultura del “profitto”. leggi tutto

Archivi

Se vuoi contattarci o sapere quando ci incontriamo:

scuoladelgratuito@gmail.com

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 185 follower

Aspettiamo i tuoi interventi!

  • 59,453 visite da Marzo 2009

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: